L'Angolo di Giusy
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.
22 Dicembre 2014, 22:14:34

Login con username, password e lunghezza della sessione
Ricerca:     Ricerca Avanzata
198571 Posts in 7351 Topics da 1911 Utenti
Ultimo Utente: salvosalvo
* Home Help Ricerca Calendario Login Registrati
L'Angolo di Giusy  |  Tempo Libero  |  Off Topic  |  Topic: Malattie infiammatorie croniche dell’ intestino, DIOGENE: indagine di AMICI Onlu 0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic. « precedente successivo »
Pagine: [1] Vai Giù Stampa
Autore Topic: Malattie infiammatorie croniche dell’ intestino, DIOGENE: indagine di AMICI Onlu  (Letto 1648 volte)
seba
Veterano
****
Offline Offline

Posts: 386



« il: 11 Gennaio 2012, 11:29:14 »

Malattie infiammatorie croniche dell’ intestino, DIOGENE: indagine di AMICI Onlus sulla qualità della vita

Paura diffusa, continue assenze dal lavoro, ossessiva preoccupazione per la disponibilità di un bagno, rapporti sociali e affettivi a rischio. Questa è la fotografia che emerge da DIOGENE, un’indagine sulla qualità della vita delle persone affette da Malattia di Crohn e Colite Ulcerosa, condotta in Sicilia dall’Associazione per le Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino (A.M.I.C.I. Onlus).

I risultati della ricerca sono stati raccolti nella pubblicazione ‘DIOGENE: alla ricerca di una vita di qualità’, realizzata in collaborazione con il Gruppo Italiano per lo studio delle Malattie Croniche Infiammatorie dell’Intestino (IG-IBD) e con il supporto di Abbott. 

La Malattia di Crohn e la Colite Ulcerosa sono Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino (MICI) caratterizzate da un elevato impatto sulla vita delle persone, soprattutto nelle fasi più avanzate. In Italia ne soffrono circa 150-200mila persone, principalmente in età giovanile: tra i 20 e i 40 anni l’età media di esordio della Colite Ulcerosa e tra i 15 e i 35 anni l’età media in cui si manifesta la Malattia di Crohn.

 

Il progetto DIOGENE, attraverso la somministrazione di un questionario ai pazienti, ha permesso di ottenere un’istantanea dei malati di MICI in Sicilia. “Questa indagine conoscitiva è particolarmente rilevante per la Sicilia e l’Italia, considerata la carenza di dati sulla qualità della vita di pazienti con queste malattie” – ha spiegato Mario Cottone, Professore di Medicina interna e Direttore Divisione di Medicina I presso l’Azienda Ospedaliera “Ospedali Riuniti Villa Sofia - Cervello” di Palermo. “Il risultato dell’indagine su scala nazionale potrà colmare un vuoto di dati presente nel nostro Paese e potrà consentire l’attuazione di programmi di interventi atti a migliorare la gestione globale delle MICI e la qualità della vita di questi pazienti”.

 

Queste patologie incidono in maniera significativa sulla sfera privata e sociale. Dalla ricerca emergono numerose difficoltà. Prima fra tutte il ritardo nella diagnosi con conseguenze cliniche, potenzialmente gravi, sulla progressione della malattia e delle sue complicanze. Passano in media 5 anni (dato aggregato per le due malattie) dalla comparsa dei sintomi alla diagnosi e circa 3 anni per giungere alla visita di uno specialista gastroenterologo. In particolare, il 45 per cento dei pazienti ha dovuto attendere da 1 a 10 anni ed il 22 per cento delle persone ha impiegato addirittura più di 10 anni. L’accesso al proprio specialista ed agli operatori sanitari è ritenuto adeguato dall’81 per cento delle persone intervistate.

 

Ricevuta la diagnosi e preso coscienza della patologia i pazienti iniziano a confrontarsi con gli effetti e i limiti che accompagnano le MICI nella vita quotidiana. La paura rappresenta il comune denominatore di tutte le fasi della malattia, ma è nei periodi di remissione che è maggiormente evidente: il 77 per cento del campione pensa con timore a quando verrà colpito da una nuova fase di attività; per il 19 per cento questo pensiero è costante e per il 15 per cento ricorrente. Un altro motivo di apprensione è rappresentato dalla disponibilità di un bagno: per il 61 per cento dei pazienti questa è la prima preoccupazione quando si recano in posti nuovi; il 35 per cento si informa circa la disponibilità di una toilette nelle vicinanze ed il 23 per cento esce addirittura di casa munito di una lista di bagni puliti.

 

Non meno preoccupante la fotografia che emerge della condizione lavorativa, una delle aree maggiormente indagate dalla ricerca. I risultati rivelano infatti che l’11 per cento delle persone è disoccupato o sottoccupato a causa delle MICI. Il 9 per cento non è in grado di lavorare a tempo pieno. Inoltre, il 24 per cento dichiara di aver ottenuto il riconoscimento dell’invalidità o è in attesa di riceverlo. In media, le persone colpite da MICI si assentano dal lavoro 11,7 giorni l’anno. Le visite mediche costituiscono la causa predominante di assenza (76 per cento dei casi), seguite dalla fatica e il dolore (59 per cento dei casi) e dal timore di urgenze (46 per cento dei casi).

 

Sul fronte dei rapporti affettivi le difficoltà non sembrano diminuire. Nello specifico, il 16 per cento del campione si sente ostacolato nel consolidare i rapporti affettivi a causa delle MICI. L’8 per cento attribuisce a queste patologie la causa dell’interruzione di un rapporto. Nel 12 per cento dei casi tali patologie hanno anche influito sullo sviluppo di rapporti di amicizia.

 

“Ci auguriamo che, in futuro, gli organi istituzionali italiani possano comprendere l’importanza dell’impatto sociale che queste patologie hanno su una fascia di età della popolazione giovane e produttiva – ha commentatoAmbrogio Orlando, Dirigente medico di I livello Divisione di Medicina I presso l’Azienda Ospedaliera “Ospedali Riuniti Villa Sofia Cervello” Palermo - e quindi sostenere la nascita di registri di patologia. Il progetto Diogene promosso da AMICI può essere un primo tassello in questo ambizioso progetto di civiltà sanitaria”.

 

Tra le aree di intervento rilevate come prioritarie per i pazienti si evidenzia come la gratuità di un maggior numero di medicinali sia considerata fondamentale per il 79 per cento degli intervistati mentre l’83 per cento ritiene importante ottenere la gratuità di un maggior numero di esami diagnostici. “È auspicabile da parte delle Istituzioni una soluzione che consideri, in primo luogo, i bisogni e gli interessi dei pazienti affetti da Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali, patologie gravi e complesse che necessitano di periodici controlli effettuati da personale esperto e dedicato – dichiara Salvatore Leone, Direttore Generale Associazione A.M.I.C.I. -. Fondamentale anche l’attuazione di provvedimenti necessari ai pazienti per contenere i disagi che la malattia comporta ed in particolare: la gratuità, la reperibilità, la facilità di approvvigionamento dei farmaci ed il riconoscimento degli effetti invalidanti della malattia”.

 

La ricerca Diogene si inserisce in un più ampio progetto internazionale promosso dall’European Federation of Crohn’s and Ulcerative Colitis Associations (EFCCA) che riunisce a livello europeo 27 associazioni nazionali di pazienti affetti da MICI in 26 paesi diversi. “Gli elementi di rilievo emersi dall’indagine europea – spiega Marco Greco, Presidente European Federation of Crohn’s and Ulcerative Colitis Associations (EFCCA) – sono molteplici: la necessità di garantire un equo accesso non solo alla terapia, ma anche alla diagnosi precoce; l’impatto sociale ed affettivo delle MICI; l’essenzialità di una standardizzazione verso l’alto dei servizi da offrire al paziente, in ossequio alle linee guida pubblicate. E, ovviamente, il rischio della discriminazione lavorativa”.

 ansa

 
Loggato

ho quasi 16 anni...... e non c\'è  posto per nessun\'altra malattia
Momy
Forum-Dipendente
*****
Offline Offline

Posts: 424



« Risposta #1 il: 11 Gennaio 2012, 19:43:02 »

 
Loggato

Sorridi che la vita ti sorride...
POOL
Forum-Dipendente
*****
Offline Offline

Posts: 443


spera nel meglio ma aspettati il peggio!!!


« Risposta #2 il: 12 Gennaio 2012, 23:19:57 »

mi associo a momy....

è belle e triste allo stesso tempo!!!! 
Loggato

POOL
pavelnedved
Moderatore
*****
Offline Offline

Posts: 704



WWW
« Risposta #3 il: 13 Gennaio 2012, 13:43:50 »

l'aspetto che maggiormente influenza la mia vita è l'incontinenza e la conseguente ricerca ossessiva di un bagno o di un qualsiasi posto atto a ....
per la mia esperienza,questa malattia è socialmente invalidante
cmq in giro c'è mooooooooolto di peggio quindi mi tengo il morbo 
Loggato
MargeSimpson
Utente esperto
***
Offline Offline

Posts: 134



« Risposta #4 il: 13 Gennaio 2012, 15:49:13 »

mmmh....
bè io in QUALSIASI posto vado la prima cosa di cui mi preoccupo è che ci sia un bagno.... sempre e comunque....
incidenti di percorso, seppur pochi, ne sono capitati...
in effettii il distrubo è alquanto invalidante...
ma dopo un attimo di sconforto mi riprendo e ricomincio a fare ed andare... ecchecavolo! la vita è una sola...bisogna godersela!




Loggato
pavelnedved
Moderatore
*****
Offline Offline

Posts: 704



WWW
« Risposta #5 il: 13 Gennaio 2012, 20:27:22 »

la vita è una sola...bisogna godersela!
anche la mutanda è una sola 
Loggato
velma
Moderatore Generale
*****
Offline Offline

Posts: 2718



« Risposta #6 il: 13 Gennaio 2012, 22:26:04 »

pavel fai come quelli della formula uno che hanno gli strati sul casco da strappare ogni volta che si sporca
Loggato
pavelnedved
Moderatore
*****
Offline Offline

Posts: 704



WWW
« Risposta #7 il: 14 Gennaio 2012, 01:44:04 »

 
così sembro anche superdotato 
Loggato
carlo 67
Forum-Dipendente
*****
Offline Offline

Posts: 411



« Risposta #8 il: 14 Gennaio 2012, 09:31:15 »

l'aspetto che maggiormente influenza la mia vita è l'incontinenza e la conseguente ricerca ossessiva di un bagno o di un qualsiasi posto atto a ....
per la mia esperienza,questa malattia è socialmente invalidante
cmq in giro c'è mooooooooolto di peggio quindi mi tengo il morbo 
Quoto Pavel, anche se dal punto di vista lavorativo mi pare abbastanza discriminante. E poi dipende dal tipo di lavoro che si fa...
Loggato
Pagine: [1] Vai Su Stampa 
L'Angolo di Giusy  |  Tempo Libero  |  Off Topic  |  Topic: Malattie infiammatorie croniche dell’ intestino, DIOGENE: indagine di AMICI Onlu « precedente successivo »
Salta a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.11 | SMF © 2006, Simple Machines LLC XHTML 1.0 Valido! CSS Valido!
Pagina creata in 0.237 secondi con 19 queries.