L'Angolo di Giusy
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.
25 Ottobre 2014, 03:24:30

Login con username, password e lunghezza della sessione
Ricerca:     Ricerca Avanzata
198128 Posts in 7331 Topics da 1903 Utenti
Ultimo Utente: adeale
* Home Help Ricerca Calendario Login Registrati
L'Angolo di Giusy  |  La malattia  |  Leggi, normative ed invalidità  |  Topic: 2007: parafarmaci detraibili nella dichiarazione redditi? 0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic. « precedente successivo »
Pagine: [1] Vai Giù Stampa
Autore Topic: 2007: parafarmaci detraibili nella dichiarazione redditi?  (Letto 6901 volte)
edimattioli
Nuovo Arrivato
*
Offline Offline

Posts: 6



« il: 18 Agosto 2007, 11:30:42 »

Salve,
ho il crohn, diagnosticato nal 2004 e da allora sono in cura con Pentacol 3 al gg. e normix un ciclo ogni mese (farmaci che vengono passati dal SSN), inoltre enterolactis plus 2 al gg.
Enterolactis Plus rientra nella categoria dei parafarmaci, costosissimi e per tutti noi indispensabili (integratori alimentari come anche per es.il VSL#3, il Florattiva fast, etc).
Fino ad oggi ho detratto ai fini fiscali il 19% del costo dell’Enterolactis Plus allegando alla dichiarazione dei redditi lo scontrino fiscale della farmacia e facendo l’autodichiarazione.

Sembra che da quest’anno (dichiarazione redditi per il 2007) la detraibilità dei parafarmaci non sia molto chiara.
Vi elenco  i pareri che ho trovato su internet:

1)i parafarmaci non possono essere portati in detrazione...proprio perché sono parafarmaci. Infatti osservando il codice minisan che si trova sul codice a barre del farmaco se inizia con A0 si tratta di un farmaco (detraibile) altrimenti trattasi di un parafarmaco (non detraibile)
2)per effettuare la detrazione è necessaria la prescrizione di un medico e naturalmente lo scontrino “parlante” della farmacia
       a.la ricetta deve essere di un medico specialista o anche del generico?
       b.la ricetta deve essere “bianca” e a carattere “ripetibile” o altro?

Credo che la cosa possa essere di interesse e vorrei sapere se qualcuno di voi ha chiaro come comportarsi anche in considerazione che l’Enterolactis  in circa 6 mesi è passato da 14 a 16 euro e nelle farmacie al max fanno uno sconto del 10% mentre nei supermercati del 5% !!! alla faccia della liberalizzazione!!!
saluti
Loggato

Edi Mattioli  - Pistoia
ma-ra-
Visitatore
« Risposta #1 il: 18 Agosto 2007, 11:37:00 »

quesito interessante quello che poni.........io sapevo che bastava portare gli scontrini della farmacia, ho anche un apposito raccoglitore,ma in realtà non li ho mai portati ,quindi non saprei cosa dire.......... speriamo che ci sia chi ci può dare lumi.............
Loggato
edimattioli
Nuovo Arrivato
*
Offline Offline

Posts: 6



« Risposta #2 il: 18 Agosto 2007, 12:04:37 »

... è la Finanziaria 2007 che modifica le modalità di deduzione ... ma non volendo leggermi tutta la finanziaria  (!) e inoltre considerando che nella categoria dei parafarmaci c'è di tutto ...  volevo analizzare se nello specifico caso dei fermenti lattici ad alta concentrazione, perlatro necessari nella fattispecie  della malattia di crohn a ristabilire un corretto funzionamento delle difese immunitarie, quale fosse la normativa applicabile ...
Loggato

Edi Mattioli  - Pistoia
Delia
Utente
**
Offline Offline

Posts: 87



WWW
« Risposta #3 il: 19 Agosto 2007, 13:57:39 »

dal 1° luglio 2007 le spese per l'acquisto di MEDICINALI possono essere dedotte dai contribuenti, a condizione che siano documentate da fattura o scontrino fiscale "parlante" recante la descrizione di natura (FARMACO), qualità (nome del farmaco) e quantità (numero di confezioni) dei FARMACI acquistati, nonché l'indicazione del codice fiscale dell'acquirente. Nel periodo compreso tra il 1° luglio e il 31 dicembre 2007, nel caso in cui l'acquirente non sia il destinatario del farmaco, non ne conosca il codice fiscale o non abbia con sé la tessera sanitaria, l'indicazione del codice fiscale può esssre riportata a mano sullo scontrino fiscale direttamente dal destinatario. Dal 1° gennaio 2008 il codice fiscale degli utenti che acquistano medicinali dovrà essere stampato sullo scontrino rilasciato dalla farmacia.
In relazione alla ratio delle richiamate disposizioni, che è quella di CONTROLLARE in modo più DETTAGLIATO le DETRAZIONI  operate dai contribuenti nelle proprie dichiarazioni dei redditi ( modello 730, ovvero Unico), l'obbligo di certificazione dei corrispettivi operata dalle farmacie in maniera descrittiva mediante scontrino "parlante" RIGUARDA UNICAMENTE LE SPESE SOSTENUTE PER L'ACQUISTO DI MEDICINALI, IN QUANTO DETRAIBILI DALLE IMPOSTE.
Loggato

"...restare svegli di notte può anche essere interessante. E' strana la notte: per quelli che si addormentano subito dura solo un attimo, mentre per chi la passa completamente in bianco, diventa così lunga che è come vivere una vita supplementare e sembra quasi un privilegio..."

"Cacatio matutina, tamquam medicina. Cacatio meridiana, neque bona neque sana. Vespertina cacatio, Domine te rengratio"
edimattioli
Nuovo Arrivato
*
Offline Offline

Posts: 6



« Risposta #4 il: 19 Agosto 2007, 15:58:36 »

... i FARMACI possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi, di fatto nulla è cambiato rispetto agli anni precedenti, salvo alcune modifiche circa lo scontrino della farmacia che dovrà essere "parlante", contenente il nome del farmaco e il CF del contribuente e non più il generico scontrino con scritto "farmaco".
Per i PARAFARMACI invece ho trovato, sul web, pareri discordi sulla detraibilità (che negli anni passati era possibile anche con scontrino "parlante")
Non ho riferimenti normativi (ma li sto cercando) ma solo opinioni: c'è chi dice che assolutamente non sono detraibili e chi invece sostiene che sono detraibili a condizione di possedere anche la prescrizione di medico specialista e/o generico.
Trovare risposta a questo quesito è motivato da:
- alto costo dei prodotti in questione (peraltro aumentati negli ultimi 6 mesi)
- i parafarmaci ed in particolare i fermenti probiotici non sono di largo consumo e non usufruiscono dei vantaggi di sconto prospettati dalla legge sulla "liberalizzazione dei farmaci": infatti sono quasi introvabili nei supermercati tanto che devono essere ordinati appositamente e per ordini plurimi con sconto max 5%, inferiore a quello che si ottine nelle farmacie max 10%.
C'è anche da considerare che per un fatto di principio per il fatto che i fermenti probiotici vengono prescritti dai gastroenterologi, dovrebbero essere mutuabili alla stregua del Pentacol, del Normix etc. anche se rientrano nella categoria dei parafarmaci !
Loggato

Edi Mattioli  - Pistoia
Delia
Utente
**
Offline Offline

Posts: 87



WWW
« Risposta #5 il: 19 Agosto 2007, 16:48:56 »

non mi pare ci siano dubbi... si può scaricare il FARMACO (anche omeopatico e veterinario)... tutto ciò che non è farmaco, non si può scaricare... cavoli nostri se i fermenti sono degli integratori...
(che poi il commercialista o quello dei sindacati butti dentro di tutto- e succede spesso e volentieri- beh questo è un altro discorso... c'è molta confusione in merito: chi vuole solo lo scontrino, chi la ricetta con lo scontrino, chi la fotocopia della ricetta con lo scontrino, chi è rigido e fiscale e chi passa tutto... e di certo non sarà lo scontrino parlante a fare chiarezza: voglio proprio vedere se il commercialista passerà le sue giornate a leggere scontrini, voce x voce, togliendo i parafarmaci...)
Loggato

"...restare svegli di notte può anche essere interessante. E' strana la notte: per quelli che si addormentano subito dura solo un attimo, mentre per chi la passa completamente in bianco, diventa così lunga che è come vivere una vita supplementare e sembra quasi un privilegio..."

"Cacatio matutina, tamquam medicina. Cacatio meridiana, neque bona neque sana. Vespertina cacatio, Domine te rengratio"
edimattioli
Nuovo Arrivato
*
Offline Offline

Posts: 6



« Risposta #6 il: 19 Agosto 2007, 22:32:42 »

salve Delia,
con il nuovo scontrino parlante, per rendere più semplice il lavoro ai commercialisti è specificato prima del nome del prodotto se trattasi di farmaco o parafarmaco (informazione contanuta nel codice a barre) !!!

ma ... forse ho trovato buone nuove a questo link ...

( i link vanno postati nell'apposita sezione )

"Detraibilità degli integratori alimentari
L'Agenzia delle Entrate conferma che sono detraibili gli integratori alimentari etichettati come tali purchè prescritti da uno specialista (e non dal medico generico) anche senza menzione della finalità per cui vengono prescritti.
Maggiori informazioni:
( i link vanno postati nell'apposita sezione)
... poi però il link dell'agenzia delle entrate non è più raggiungibile !!! sarà ancora valido il principio, visto che il quesito era del gennaio 2007 ??? sarebbe interessante porre nuovamente il quesito all'Agenzia delle Entrate ...
ciao
« Ultima modifica: 19 Agosto 2007, 22:50:20 da ermansarda » Loggato

Edi Mattioli  - Pistoia
ma-ra-
Visitatore
« Risposta #7 il: 19 Agosto 2007, 22:40:19 »

perfetto,se si considera che a me il vsl3 l'ha prescritto proprio lo specialista
Loggato
edimattioli
Nuovo Arrivato
*
Offline Offline

Posts: 6



« Risposta #8 il: 28 Agosto 2007, 16:25:20 »

Vi aggiorno sulla questione:
ho posto la questione della detraibilità degli integratori/parafarmaci, citando la loro precedente presa di posizione, al servizio mail Contact Center dell'Agenzia delle Entrate.
Questo è il testo risposta:
Gentile contribuente, in merito al suo quesito l'Amministrazione Finanziaria, con le Circolari n. 25 del 6/2/1997, n. 137 del 15/5/1997 e la Nota n. 984/97 ha precisato che, per quanto concerne la detraibilità di spese relative a farmaci occorre far riferimento ai provvedimenti del Ministero della Sanità che contengono l'elenco delle specialità farmaceutiche. Qualora i ́parafarmací di cui Lei parla non siano compresi in tale elenco, la spesa sostenuta non può essere detratta. Qualora invece compaiano nell'elenco è possibile usufruire della detrazione per le spese sanitarie relative a medicinali acquistabili anche senza prescrizione medica, conservando idonea documentazione rilasciata dal percettore delle somme (che può consistere anche nello scontrino fiscale) dalla quale risulti l'avvenuto acquisto dei detti farmaci e, in alternativa alla prescrizione medica, si potrà fornire, a richiesta degli Uffici, un'autocertificazione attestante la necessità , per il contribuente o per i familiari a carico, dell'avvenuto acquisto dei medicinali nel corso dell'anno. Ulteriori chiarimenti li può trovare nelle istruzioni all'Unico Persone Fisiche - Fascicolo 1 pag. 92 "Documentazione da conservare". Cordiali saluti.

... !!! adesso occorre reperire i "provvedimenti del Ministero della Sanità che contengono l'elenco delle specialità farmaceutiche"  ... ma è una caccia al tesoro !!! 
Non mi sono scoraggiata e così ho inviato una mail all'URP del Ministero della Salute ... vediamo che ci risponde ...
saluti e a presto
Loggato

Edi Mattioli  - Pistoia
giannino
Forum-Dipendente
*****
Offline Offline

Posts: 447


Montecatini terme d'europa


« Risposta #9 il: 24 Ottobre 2007, 11:31:00 »

nessuno è riuscito a reperire la lista ??
Loggato

CONDIVIDI LA PASSIONE........HONDA CAVALLO
morgana31
Forum-Dipendente
*****
Offline Offline

Posts: 536


sorridi ed il mondo ti sorridera'


« Risposta #10 il: 24 Ottobre 2007, 12:38:38 »

non ho trovato una lista vera e propria..ma puo' essere utile credo per identificare cio' che' deducibile il codice a barre inizia con  A0

Come detrarre le spese sanitarie

Il 19% delle spese sostenute per farmaci, cure mediche e per l'assistenza sanitaria può essere detratto, scalato cioè dalle tasse da versare, calcolate sul reddito annuale. La detrazione è applicata per somme eccedenti 129,11 euro (franchigia)..Per riconoscere i farmaci propriamente detti dai parafarmaci (non deducibili) bisogna osservare il codice ministeriale che si trova immediatamente sotto il codice a barre del prodotto (codice a lettura ottica) : detto codice per i farmaci inizia sempre con "A 0".

Per quanto riguarda i farmaci per cui al momento dell'acquisto è richiesta la ricetta medica, è necessario conservare quest'ultima, o la sua fotocopia nel caso sia stata ritirata dal farmacista (in caso di ricetta non ripetibile o ricetta con cui si è già effettuato il numero massimo di acquisti consentito), ed allegarvi lo scontrino fiscale emesso dalla farmacia. Anche i ticket possono essere detratti applicando lo scontrino fiscale sulla copia fotostatica della ricetta spedita. Per i farmaci da banco, invece, si può compilare un'autocertificazione (dichiarazione sostitutiva di atto notorio in carta libera) che deve essere unica per tutti i farmaci acquistati nel corso dell'anno da tutte le persone appartenenti al nucleo familiare del contribuente.

Per le preparazioni galeniche, cioè quelle preparazioni allestite dal farmacista in farmacia su prescrizione medica, valgono le norme relative ai medicinali.
I medicinali omeopatici possono essere portati in detrazione allegando lo scontrino fiscale alla ricetta medica o al modulo di autocertificazione.

Le spese veterinarie, infine, se sostenute per la cura di animali legalmente detenuti a scopo di compagnia o per pratica sportiva, si detraggono nel limite massimo di euro 387,34 e per la parte eccedente l'importo di euro 129,11.

fonte FarmaLem
Loggato

...Perchè una realtà non ci fu data e non c'è; ma dobbiamo farcela noi, se vogliamo essere; e non sarà mai una per sempre, ma di continuo e infinitamente mutabile...
Luigi Pirandello
Pagine: [1] Vai Su Stampa 
L'Angolo di Giusy  |  La malattia  |  Leggi, normative ed invalidità  |  Topic: 2007: parafarmaci detraibili nella dichiarazione redditi? « precedente successivo »
Salta a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.11 | SMF © 2006, Simple Machines LLC XHTML 1.0 Valido! CSS Valido!
Pagina creata in 0.149 secondi con 19 queries.